Seleziona una pagina

Vis-à-vis Fontana-Gormley

Arte

Un gigante dell’arte del Novecento, Lucio Fontana, sarà presto protagonista insieme a Gormley di una mostra inattesa.

In occasione della prossima Biennale di Venezia (23 aprile – 27 novembre 2022), la strana coppia si incontrerà per la prima volta nel gioiello architettonico progettato da Carlo Scarpa. Il Negozio Olivetti di Piazza San Marco, da dieci anni sotto la gestione del FAI.

Disegni e sculture di entrambi saranno al centro di un confronto curato da Luca Massimo Barbero, tra i maggiori studiosi di Fontana e consulente scientifico della fondazione dell’artista.

Nonostante la distanza cronologica, a ben vedere, Gormley e Fontana sono due artisti vicinissimi per svariate ragioni. Anche se il loro approccio alla scultura è diverso e riflette le necessità e le possibilità tecniche del proprio tempo, le intenzioni di fondo restano simili. Il senso dello spazio e la volontà di superare i limiti della dimensione umana sono il comune denominatore della ricerca di questi due grandi dell’arte degli ultimi decenni.

“Pensata come un dialogo tra la complessità del segno nell’opera del fondatore del movimento spazialista, e la relazione tra spazio e corpo nel lavoro di uno tra i più acclamati e articolati scultori del nostro secolo”, spiega Barbero, la mostra-dossier Lucio Fontana/Antony Gormley raccoglierà una selezione di opere di questi due importanti protagonisti del panorama artistico del XX secolo e contemporaneo.

Leggi altri Articoli