Seleziona una pagina

Mimmo Paladino

Benevento, 1948

Paladino Mimmo nasce nel 1948 a Benevento.

Dopo una fase di sperimentazione eclettica rivolta a tecniche diverse, si è dedicato alla pittura, ottenendo i primi riconoscimenti nell’ambito del gruppo della transavanguardia, con il quale espone in Italia e all’estero, dalla Biennale di Venezia del 1980 a Documenta di Kassel del 1987.

In seguito a una ricerca concettuale, elabora un linguaggio ispirato all’arte egizia, etrusca e paleocristiana, inserendo frammenti di figure, teste e mani che fanno riferimento a elementi iconografici del passato.

Ha poi continuato a sperimentare materiali e tecniche, realizzando incisioni, dipinti su metallo e materiali diversi, installazioni e sculture.

Nel 1990 ha realizzato la scenografia per La sposa di Messina di J. C. F. Schiller a Gibellina, costruendo per la prima volta la Montagna di sale, installazione poi riproposta a Napoli (1995-96). Ha curato altre scenografie teatrali e ha firmato anche la scenografia del tour di Lucio Dalla e Francesco De Gregori del 2010.

Nel 2001 ha realizzato per il Comune di Roma un mosaico monumentale per il nuovo allestimento dell’Ara Pacis.

Nel 2011 nel Palazzo Reale di Milano è stata allestita una grande retrospettiva che ripercorre gli ultimi quarant’anni di carriera del maestro campano e l’anno seguente ha pubblicato con il critico D’Orazio il libro Ritratti romani.

Nel 2015 ha ideato la statua La conoscenza, presentata a Expo Milano, mentre nel 2017 ha realizzato i nuovi paramenti sacri della Cappella Rucellai nel complesso dell’ex-chiesa di San Pancrazio a Firenze.

Opere