Seleziona una pagina

Georges Mathieu

Bologne-sur-mer, 1921 – Parigi, 2012

Georges Mathieu è nato a Bologne-sur-Mer nel 1921 ed è considerato tra i padri dell’astrazione lirica e della pittura informale.

Studia diritto e filosofia e inizia dopo la guerra a lavorare a Parigi. Comincia a dipingere non figurativi nel 1944 e dal 1947 si distingue per la sua applicazione del colore dal tubetto. Organizza diverse mostre in favore dell’Abstraction Lyrique. Questo nuovo tipo di astrazione gestuale, lirica e informale lo porta a spogliarsi delle regole tradizionali per mettere in primo piano il fenomeno pittorico.

Mathieu è infatti il primo a imporre la gestualità all’interno della Scuola di Parigi e della Scuola di New York, dove è in voga l’Action Painting, con il quale coglie molteplici affinità.

Espone per la prima volta nel 1946 al VI Salon des moins de 30 ans presso la Galerie des Beaux-Arts di Parigi e nel 1950 ottiene la sua prima personale alla Galerie Drouin sempre a Parigi.

Nel 1951 organizza la mostra Véhémences confrontées con il critico Michel Tapié.

Negli anni ’50 gli conferiscono il riconoscimento internazionale come uno dei principali esponenti dell’Espressionismo Astratto.

Nel 1959 si reca a Ravenna, su invito del collezionista Roberto Pagnani, per realizzare il mosaico Omaggio ad Odoacre per la mostra sui Mosaici Moderni organizzata quello stesso anno.

Muore la sera di domenica 10 giugno 2012, all’ospedale di Ambroise-Parè a Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, all’età di 91 anni.

Opere